Il luppolo: dalla raccolta alla commercializzazione

Offerta formativa

Rif. Proposta

5150533

Durata

29

Ticket

71,80

Descrizione

Il Piano GOI si pone l’obiettivo di contribuire a fornire innovazione in campo agricolo mediante l’introduzione di tecniche per favorire la coltivazione di una pianta “innovativa”: il luppolo. 
Il progetto raggiungerà questi scopi attraverso obiettivi specifici tra i quali: 1) Ottimizzazione della coltivazione del luppolo, mettendo in atto una sperimentazione su diverse tecniche colturali, soprattutto i sesti d’impianto e l’altezza della struttura di sostegno; 2) messa a punto di un piano di fertilizzazione per l’ottenimento di un luppolo di alta qualità; 3) caratterizzazione delle diverse cultivar in relazione agli aspetti vegeto-produttivi (vigoria e produttività); 4) caratterizzazione qualitativa del prodotto ottenuto (coni), anche in confronto con i prodotti commerciali, in modo da valutare l’effetto del terroir e, nello specifico, le caratteristiche che il suolo emiliano-romognolo conferisce al luppolo; 5) individuazione di indici di maturazione del cono di luppolo; 6) valutazione della biodiversità regionale.
All’interno del piano GOI risulta quindi fondamentale supportare le aziende aderenti attraverso una specifica attività di formazione rivolta a tutte le figure appartenenti al GO. L’obiettivo sarà quello di introdurre i temi principali che stanno alla base del piano e nel contempo fornire gli strumenti pratici per l’applicazione delle innovazioni introdotte.
Il percorso formativo partirà dalla raccolta del prodotto, toccando aspetti della trasformazione e della conservazione. Per spiegare le ragioni tecniche degli interventi previsti nel piano saranno fornite le informazioni necessario a conoscere la qualità del cono (acidi amari, contenuto in olio e in composti antiossidanti) e le modalità di misura della stessa. Inoltre, si procederà evidenziando gli usi alternativi del luppolo oltre a quello della birrificazione. 
Non meno importante saranno le informazioni riguardanti la certificazione commerciale del prodotto secondo il Regolamento Europeo 1850/2006. 

Contenuti

Modulo 1: Raccolta, Trasformazione e Conservazione Ore 8

Questo modulo prevede una parte teorica (6 ore) 
n questo modulo il docente introdurrà ai partecipanti al corso i metodi di raccolta, le macchine utilizzate e le peculiarità di questa pratica. Il passaggio successivo sarà la comprensione dei principi e delle tecniche di trasformazione, nonché l’importanza della stessa ai fini della qualità del prodotto finito. I partecipanti quindi saranno condotti nel mondo della conservazione del prodotto e le conseguenze derivate da una cattiva conservazione. La finalità del presente modulo sarà quello di far comprendere ai partecipanti l’importanza della fase di raccolta, trasformazione e conservazione.

Modulo 2: Composizione del cono e analisi qualitative. Ore 12

Questo modulo prevede una parte teorica (6 ore) e una parte pratica (6 ore)
Il presente modulo ha lo scopo di fornire le basi per la comprensione delle molecole che costituiscono il cono di luppolo e che possono essere trasferite nella birra. A tale scopo verranno impartite nozioni riguardanti gli acidi amari e gli oli essenziali. Inoltre, i partecipanti saranno edotti anche sulle analisi da richiedere ad un laboratorio e all’interpretazione delle stesse. Nella seconda parte del modulo (parte pratica) i partecipanti saranno messi di fronte a dei coni di luppolo o a dei pellet in modo da prendere familiarità con questa materia prima e con gli aromi buoni rispetto a quelli indesiderati. Verranno quindi organizzate delle piccole sedute “organolettiche” per meglio comprendere ciò che in aula è stato teorizzato.

Modulo 3: Usi del luppolo e certificazione commerciale e verifiche finali Ore 9

Questo modulo prevede una parte teorica (6 ore) e una parte pratica di comprensione dei parametri di certificazione (3 ore)
Il luppolo può essere utilizzato in diversi settori e questo modulo ha proprio la finalità di indirizzare i partecipanti verso i diversi utilizzi della pianta. Il modulo vuole spiegazione l’utilizzo delle diverse parti della pianta in altrettante possibili filiere: uso dei germogli, uso del fusto, uso delle foglie, uso del fiore in ambito erboristico, uso del fiore in ambito brassicolo e uso del fiore in ambito culinario.
L’ultima parte teorica del modulo prevede la comunicazione dell’importanza della certificazione commerciale del luppolo, il modus operandi per ottenerla e quando richiederla. La parte pratica prevede un maggiore focus sulla certificazione in modo da far toccare con mano ai partecipanti l’importanza di ottenere un prodotto di qualità alla fine del processo di coltivazione.
Verra somministrata la verifica finale e il test di gradimento su piattafo

Durata

29

Destinatari

Imprenditori agricoli, dipendenti e coadiuvanti di aziende iscritte all’anagrafe delle aziende agricole dell’Emilia Romagna

Ticket

71,80

Richiesta informazioni

Sito in aggiornamento.
Ci scusiamo per eventuali disagi.

Per informazioni e iscrizioni vi chiediamo la gentilezza di rivolgervi alle sedi di riferimento.

Grazie della comprensione.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy e cookie policy. Clicca ok per proseguire la navigazione e acconsentire all’uso dei cookie.