INNOVAZIONE TECNICA NELLA POTATURA DEI FRUTTIFERI

Offerta formativa

Rif. Proposta

5363645

Durata

29

Ticket

Gratuito

Descrizione

In Emilia-Romagna gli ettari di frutteto in produzione sono all’incirca 48.000 ma nel 1994 erano quasi 100.000. Per scongiurare l’abbattimento di altri frutteti si stanno mettendo in campo risorse per sostenere gli investimenti per l’adattamento ai cambiamenti climatici, favorire la ricerca di nuove tecniche di difesa, reimpiantare colture arboree puntando a nuovi portainnesti, aprendo così la via alla coltivazione di varietà più adatte alle attuali condizioni pedoclimatiche, effettuare la riconversione varietale in funzione della preferenza di gusto e della nuova domanda espressa dai consumatori. In questa ottica anche la potatura, che tradizionalmente veniva considerata una tecnica colturale ordinaria, necessita di essere adeguata alle innovazioni tecniche ed agronomiche in corso di sperimentazione. Pertanto attraverso il percorso formativo sarà possibile apportare progressive migliorie nelle tecniche di gestione del frutteto. Secondo le sperimentazioni condotte dalla comunità scientifica la potatura risulta essere un intervento fondamentale per migliorare l’intercettazione luminosa delle foglie e di conseguenza interferire sui fabbisogni idrici della pianta.
Sul piano fisiologico, per contrastare i cambiamenti climatici, occorre massimizzare il rapporto tra fissazione di anidride carbonica e consumo idrico. L’evapotraspirazione fogliare è variabile e l’efficienza d’uso dell’acqua può aumentare anche di 10 volte fra foglie bene esposte e foglie ombreggiate. Le foglie in zona d’ombra consumano acqua, ma hanno una ridotta o nulla capacità fotosintetica al di sotto della curva di compensazione, mentre l’efficienza fotosintetica aumenta fino alla saturazione luminosa nelle foglie esposte.
Pertanto ci prefiggiamo di fornire ai partecipanti le basi teoriche per potenziare la conoscenza delle innovazioni a supporto delle produzioni vegetali e, di conseguenza, la manualità durante la potatura delle piante da frutto tenendo conto delle scelte varietali effettuate, delle forme di allevamento e delle tecniche colturali eseguite.
OBIETTIVI:
Durante il percorso formativo l’allievo, grazie alle innovative tecniche di potatura, potrà implementare le proprie conoscenze e capacità:
a) raggiungere l’equilibrio fra le radici e la chioma della pianta;
b) raggiungere l’equilibrio tra la fase vegetativa e quella riproduttiva;
c) garantire un’alta produzione costante sia in termini di quantità che di qualità;
d) incentivare la produzione di frutti e fiori;
e) prevenire l’insorgere di malattie parassitarie;
f) tutelare la salute della pianta;
g) dare alla pianta la forma più adatta per usufruire al meglio della luce;
h) accelerare lo sviluppo e la crescita delle piante giovani durante il percorso.

Contenuti

MODULO 1  Ore 3

Anatomia e fisiologia delle piante da frutto
Riconoscimento delle gemme a legno e a fiore
Interventi sul piano fisiologico delle piante per contrastare i cambiamenti climatici

MODULO 2  Ore 6

L’intercettazione luminosa delle foglie e la correlazione sui fabbisogni idrici della pianta.
Tecniche di potatura innovative nella fase di allevamento
Innovazioni tecniche di potatura nella fase di produzione 
La soppressione dei rami
Compartimentazione delle ferite
Portinnesti e riflessi sulla qualità dei frutti
Riconoscimento delle formazioni fruttifere

MODULO 3 Ore 3

Principali malattie crittogamiche e parassitarie
Il contenimento delle patologie orientato verso l’adozione di microrganismi antagonisti
Innovative tecniche di potatura per contrastare le principali malattie crittogamiche e parassitarie.

MODULO 4   Ore 13

Esercitazioni pratiche e dimostrative in campo di innovazioni tecniche di potatura sia su pomacee che e drupacee. Durante la realizzazione di questo modulo sarà possibile:
a) effettuare osservazioni preliminari sulle piante da potare; 
b) comprendere quanto la potatura influisca sul ciclo vitale della pianta;
c) comprendere come deve essere organizzate la chioma;   
d) svolgere le principali operazioni di potatura 
e) indirizzare la differenziazione delle gemme (in modo particolare a fiore).

Durante le osservazioni e le lezioni in campo, sarà possibile osservare ed intervenire sulle forme di allevamento tenendo conto delle varietà e degli orientamenti colturali. Saranno presi in esame i principali fattori di rischio che riguardano la potatura e le misure conseguenti di prevenzione.

MODULO 5 – VERIFICA FINALE Ore 1

Al termine del corso è prevista una verifica finale di apprendimento atta a verificare l’acquisizione da parte dei singoli utenti delle conoscenze relative all’oggetto della formazione. Sarà utilizzata la modalità e-testing con l’utilizzo di una specifica piattaforma on line con collegamento audio e video bi-direzionale. Il test di valutazione sarà composto da numero 12 domande (che corrispondono ad oltre1/3 di quelle che compongono il data base allegato nella proposta formativa).

Durata

Destinatari

Ticket

Gratuito

Richiesta informazioni

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy e cookie policy. Clicca ok per proseguire la navigazione e acconsentire all’uso dei cookie.