FORMAZIONE PROFESSIONALE E ANALISI ECONOMICHE NELL'AGROALIMENTARE

logoER W

Valorizzazione della biodiversità frutticola locale

Descrizione

Il programma formativo proposto si prefigge di fornire agli operatori partecipanti le conoscenze da impiegare nella propria impresa, per migliorare per valorizzare dal punto di vista produttivo, commerciale e qualitativo, alcune varietà frutticole locali a rischio di estinzione o erosione genetica. In Emilia Romagna sono diffuse aree agricole interne, di collina e di montagna, svantaggiate e con elevato tasso di abbandono della popolazione e delle coltivazioni. Soprattutto per questioni pedoclimatiche e di disponibilità irrigua, queste aree hanno una debolezza competitiva per la produzione di fruttiferi di moderne varietà di elevato pregio commerciale. In questi territori nel passato, invece, erano diffuse varietà di fruttiferi, spesso locali, che oggi sono rappresentate da esemplari unici o da poche piante. Questa presenza, che frequentemente affonda le sue radici in un passato molto lontano, aveva un valore colturale, alimentare, ma anche di sviluppo di lavorazioni e/o trasformazioni per ottenere tipici prodotti tradizionali. Inoltre, in molti casi, recenti studi ne hanno evidenziato il valore nutrizionale e soprattutto la composizione in principi salutistici. Va altresì evidenziato come negli ultimi tempi stia emergendo un interesse sempre crescente per i prodotti del territorio, sia dal punto di vista dei consumi che come conseguenza dell’incremento di un turismo “diffuso” non limitato alle grandi città, ma teso a estendersi verso i borghi minori e le aree naturali. E’ importante, quindi, valutare la possibilità di reintrodurre in aziende poste in aree interne (soprattutto di montagna), di alcune vecchie cultivar di pomacee per creare attrattività territoriale in termini economici e sociali fornendo anche spunti per nuovi prodotti e per loro strategie di miglioramento e riconoscimento dell’offerta di quei particolari territori. Il corso intende trattare alcuni temi ritenuti necessari per realizzare tali attività e supportare i potenziali agricoltori che si stanno orientando in questo senso, informandoli sullo stato dell’arte e le metodologie più opportune per poter sviluppare linee di prodotti legati al territorio e ad una agricoltura a basso impatto ambientale come quella biologica. L’attenzione sarà incentrata in particolare su alcune antiche varietà di melo (Rosa Romana e Abbondanza rossa) e pero (Angelica, Limone, Nobile/Lauro e Spalér), cui si aggiungeranno alcune selezioni di melo ottenute nell’ambito di un programma di breeding condotto dall’Università di Bologna. Si tratta di genotipi che manifestano caratteri di rusticità, resistenza o tolleranza nei confronti di importanti avversità biotiche e, come nel caso delle antiche varietà, che hanno una utilizzazione dei frutti tradizionale e tipica.

Sede di svolgimento

In fase di programmazione

Durata e periodo di svolgimento

29 ore - IN FASE DI PROGRAMMAZIONE

Costo

71.80€

Numero di partecipanti

Numero di allievi -20

Attestato rilasciato

FREQUENZA

Contenuti (clicca qui per espandere)

Modulo 1: La biodiversità frutticola in Emilia Romagna Ore 8
•    Le antiche varietà frutticole della regione: origine e diffusione
•    La legge regionale 1/2008 sulla tutela delle varietà antiche
•    Il Repertorio volontario regionale sulle varietà e razze a rischio di estinzione
•    I conservatori “ex situ” accreditati dalla Regione
•    Il ruolo degli agricoltori custodi
•    Le iniziative regionali per sostenere la valorizzazione delle antiche varietà
Modulo 2: Vecchi e nuovi genotipi di melo e pero: caratteristiche agronomiche e qualitative Ore 5
•    Le antiche varietà di melo: Rosa Romana e Abbondanza rossa
•    Le antiche varietà di pero: Angelica, Limone, Nobile/Lauro, Spalèr
•    Nuovi genotipi di melo resistenti ai principali patogeni
Modulo 3 : La coltivazione delle antiche varietà Ore 8
•    Il materiale vivaistico
•    Esigenze pedo-climatiche
•    Allevamento e potatura delle piante
•    Le principali avversità biotiche e abiotiche
•    La raccolta e conservazione dei frutti 
•    La produzione integrata e biologica
Modulo 4: La valorizzazione delle antiche varietà di frutta Ore 8
•    Principali caratteristiche nutrizionali della frutta
•    Test sensoriali e valorizzazione dei prodotti
•    Esempi di trasformazione (succhi, marmellate e altro)
•    Possibilità dell’impiego dei marchi commerciali
•    Rintracciabilità e QR code ai fine della valorizzazione
•    Esperienze di commercializzazione tramite la GDO

Recapiti e contatti

pr@dinamica-fp.it

Info & iscrizioni online

Il CUAA è il codice univoco utilizzato per le domande della PAC. Nel caso non lo conosca inserisca la Partita IVA o il codice fiscale dell'azienda

Per poterla contattare deve fornirci almeno uno dei due numeri sopra.

Importante controllare la correttezza delle mail perché diverse successive comunicazioni sul corso potranno avvenire per e-mail


NEL CASO LEI NON ABBIA MAI PARTECIPATO A CORSI DI DINAMICA LA PREGHIAMO DI COMPILARCI I DATI CHE SEGUONO

DINAMICA

SEDE REGIONALE
Presidenza, direzione, amministrazione
Via Bigari, 3 40128 Bologna (BO)
Tel. 051/360747 - Fax 051/6311800

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Formazione regionale Tel. 051/495845

P.IVA: 04237330370 - Num. REA: 361210
Codice destinatario: ZGR1Y86